Open top menu
Ubriaco di parole senza senso

Ubriaco di parole senza senso

Sono mie queste parole inutili.
Parlano di me, della mia essenziale inutilità.
Giocano con aforismi non rubati
Sguazzano in stagni silenziosi.

Bevo alla salute dei miei loschi pensieri.
Annullati dalla quotidianità assopita.
Osservando ciecamente il fiume arido.
Di sogni interrotti.

Alla fine mi riscopro a duellare con l’altro me.
So già che non sarà facile battermi.
Ma la lotta è inevitabilmente cruenta.
Sanguinante conflitto riparatore.

Nessuno sa cosa succederà, chi alzerà il vessillo finale.
Scudisciate di attributi e un sorso di vino.
Mitragliate di congiuntivi e bicchiere colmo.
Lotta e sete che si rincorrono sul tavolo verde.

Stremato languidamente accasciato giaccio.
Come una sequoia abbattuta dalla scure nefanda.
Osservo il bicchiere e il mio nemico.
Non so chi dei due ha festeggiato.
Mi rigiro nel vuoto e riempio di nuovo.

Foto di Enrico Paravani ©

Enrico Paravani
Written by Enrico Paravani

Artigiano, produce tutto ciò che si ottiene dalla trasformazione del legno escluso barche e stuzzicadenti, blogger e fotografo per disperazione.

No comments yet.

No one have left a comment for this post yet!

Leave a comment