Open top menu
Un mare di plastica

Un mare di plastica

Giulio Natta (Porto Maurizio, 26 febbraio 1903, Bergamo, 2 maggio 1979) ingegnere e accademico italiano, premio Nobel per la chimica nel 1963, è stato il padre della plastica moderna (polipropilene).

La plastica ha rivoluzionato il mondo. Potremmo definire la scoperta di Natta come una delle più significative all’interno dell’Antropocene[a].

Purtroppo, tale significatività non ha soltanto riguardato il miglioramento della qualità della vita di ognuno di noi, ma anche la qualità e la quantità di rifiuti che abbiamo iniziato a produrre.

Il problema dei rifiuti plastici nel giro di 50 anni è diventato molto evidente in ogni parte del mondo. Oggi ci troviamo in uno scenario nel quale i paesi più sviluppati hanno iniziato a preoccuparsi del problema (produzione di plastiche riciclabili, raccolte differenziate, ecc.) mentre i paesi che una volta venivano chiamati “in via di sviluppo” e che oggi potremmo chiamare in “ascesa” (Cina, India, Brasile ecc.), sono diventati i maggiori produttori di rifiuti plastici del mondo, soprattutto di rifiuti costituiti da plastiche non riciclabili.

I rifiuti plastici sono in grado di impattare qualsiasi comparto ambientale. Ovviamente quello che ci risulta immediato è l’impatto visivo o comunque l’impatto sul territorio. Tuttavia l’accumulo di materie plastiche è molto più subdolo: non è limitato ad un accumulo, più o meno disorganizzato, nelle nostre città e nelle nostre campagne, ma costituisce una sorgente potenzialmente enorme e molto pericolosa di rilascio di sostanze tossiche e cancerogene. I rifiuti plastici hanno inoltre la sgradevolissima tendenza a sminuzzarsi, se lasciati all’azione meteorica, fino a creare dei frammenti microscopici (plastic debris), cosa che favorisce in maniera esponenziale il trasferimento di elementi pericolosi alle catene trofiche, quindi all’uomo.

Un aspetto che per anni non è stato considerato nella maniera dovuta è stato l’accumulo di rifiuti plastici in mare.

Nel mondo, dato riferito al 2011, vengono prodotti circa 280 milioni di tonnellate di materiali plastici. Si stima che circa il 6 milioni e mezzo di tonnellate finiscano ogni anno in mare, per incuria, incidenti o problemi nella gestione dei rifiuti [1].

I rifiuti plastici arrivano in mare sia attraverso immissioni provenienti dalla terraferma sia attraverso attività svolte direttamente in mare. Si stima che le quantità di rifiuti plastici che arrivano al mare e agli oceani sia ad oggi in aumento, anche se è molto difficile quantificare l’effettivo trend di crescita [2].

Negli ultimi tempi si è cominciato anche a parlare di vere e proprie isole di rifiuti (perlopiù plastici) accumulatesi per l’azione delle correnti oceaniche, in particolare nella zona del Great North Pacific Gyre e dell’Atlantico, tra Caraibi, Bermuda e Azzorre.

Sebbene non sia del tutto chiara la dinamica di questi enormi accumuli di rifiuti a spasso per i nostri oceani, è ormai accertato che il pericolo maggiore dei rifiuti plastici accumulati in mare sia costituito dai frammenti più piccoli. E’ stato stimato che i rifiuti plastici finiti in mare sono la causa di circa 1 milione di decessi di uccelli marini, di 100 mila mammiferi marini e di un numero non quantificabile di pesci [3].

Ricerche in questo senso stanno iniziando a prendere piede anche per il Mar Mediterraneo, sebbene, considerando la caratteristica di mare chiuso, verrebbe da dire che con tutta probabilità ciò che buttiamo a mare noi finisce, prima o poi, per ritornare alle nostre coste, o peggio, alle nostre case.

Al solito, con tutta evidenza, abbiamo iniziato a preoccuparci di un problema potenzialmente devastante con un attimo di ritardo. E forse stiamo dando in eredità ai nostri figli un altro bellissimo argomento. Che gli rovinerà la vita.

[a] Termine utilizzato dal premio Nobel per la chimica Paul Jozef Crutzen per indicare una nuova era geologica iniziata con la Rivoluzione Industriale e caratterizzata dalla capacità dell’Uomo di influenzare in maniera decisiva le dinamiche climatiche e dell’ecosfera del pianeta.

Riferimenti

[1] Gross M. (2013). Plastic waste is all at sea. Current Biology, Volume 23, Issue 4.

[2] Law, K. L., Moret-Ferguson, S., Maximenko, N. A., et al. (2010). Plastic accumulation in the North Atlantic Gyre. Science 329, 1185– 1188.

[3] Australian Marine Conservation Society

Foto di Enrico Paravani ©

Autore: Sergio Scanu

“La verità ti renderà libero. Ma solo quando avrà finito con te.”

Sergio Scanu
Written by Sergio Scanu

“La verità ti renderà libero. Ma solo quando avrà finito con te.”

No comments yet.

No one have left a comment for this post yet!

Leave a comment