Open top menu
I peri-patetici

I peri-patetici

Civitavecchia si prostituisce regolarmente.

Ha dei clienti paganti, che la utilizzano a piacimento e, terminati i propri comodi, le lasciano in premio un obolo.

Ce lo ricorda uno dei nuovi (nuovi?) candidati a Sindaco.

Se vincerò le elezioni il rapporto con l’Enel uscirà dalle paludi dell’elemosina e diverrà trasparente e soprattutto dalla parte dei cittadini“. A parlare è Mauro Guerrini, candidato per SEL (la E starebbe per Ecologia e la L per Libertà) al Pincio.

Per chi avesse poca memoria si tratta del delegato ai rapporti con ENEL della giunta Tidei recentemente trapassata, quindi di una persona che conosce da vicino i rapporti tra l’Azienda energetica nazionale e gli ultimi occupanti di palazzo del Pincio.

Il Dr Guerrini, che di mestiere fa il Medico di Medicina Generale e che si occupa di Pneumologia (!), ritiene quindi che l’ente elettrico debba continuare a versare un contributo al Comune, a titolo di “risarcimento” per le opere compensative non espletate.

Sorge un dubbio allora: il termine “compensative” è da intendersi come “ricompensa” per un prezzo pagato (in vite umane o in amnesie riguardanti le prescrizioni VIA) e come meccanismo di compensazione dell’inquinamento prodotto (riducendo altri inquinanti o riqualificando il verde cittadino, naturale sistema di compenso ai danni ambientali da combustione)?

Si tratta forse di “risarcimenti”? Una esplicita ammissione di colpa, quindi?

Ritengo che l’ente debba continuare a corrispondere al Comune le somme che già ha erogato durante le passate giunte: quella di Moscherini prima e di Tidei poi, a titolo di risarcimento per i disagi creati alla città del cantiere tuttora aperto ed attivo. Somme che non rientrano nel capitolo delle opere compensative e pertanto ascrivibili in bilancio”.

Di ENEL si parla quindi, ancora una volta, come cliente abituale e pagante, utile a ripianare le beghe della malapolitica sprecona ed autoreferenziale.

Sarebbe molto grave assistere a trattative o silenzi “ad personam”. Vorrebbe dire che i poteri in capo al polo energetico hanno uno (o più) candidati in pectore“.

Insomma: non è affatto importante che ENEL riporti emissioni e consumi a quanto previsto dalla VIA (invece del +25% nella produzione ottenuto nel 2013 grazie alle buone cure del tandem Tidei-Guerrini).

La questione è forse che ENEL non si schieri troppo apertamente con i suoi uomini di fiducia (secondo voi a chi si riferisce?)?

Foto di Enrico Paravani©

Autore: Fulvio Floccari

Apolide per scelta, precario per destino, navigo solo di bolina stretta.

Fulvio Floccari
Written by Fulvio Floccari

Apolide per scelta, precario per destino, navigo solo di bolina stretta.

No comments yet.

No one have left a comment for this post yet!

Leave a comment