Open top menu
Una Brutta Storia

Una Brutta Storia

È una brutta storia, che sta diventando “la solita storia”, cambiano solo gli attori.

C’è un committente, c’è un progetto, c’è chi vince l’appalto e c’è chi materialmente esegue il lavoro.

I progetti sono sempre faraonici e a norma, i direttori dei lavori dei professionisti ineccepibili, il vincitore dell’appalto è affidabilissimo e ci sono fiumi di soldi, tanti, oltre 5 milioni di euro.

Tante belle premesse, e promesse, ma tutto inevitabilmente si blocca!

I lavori vanno a rilento, i soldi finiscono prima del previsto, chi doveva controllare non si sa cosa abbia controllato, gli espertissimi tecnici tamponano falle progettuali immense con integrazioni e autorizzazioni e  i soliti lavoratori devono subire le solite umiliazioni.

La vicenda del Mercato cittadino è un esempio eclatante di  mala politica.

Ad oltre tre anni dall’inizio dei lavori, non solo non si sa quando avverrà la fine, ma ci sono diverse società con i loro operai sono costretti alla fame. Parliamo di aziende, spesso di poche persone, che hanno portato a termine i loro lavori, eseguiti nei tempi stabiliti, che hanno anticipato le somme dei materiali, che hanno pagati contributi e tasse ma vengono ignorate da tutte le istituzioni.

Fanno domande e nessuno dà risposte. Vengono sbattuti da un ufficio all’altro. Subiscono l’umiliazione di dover elemosinare quanto spetta loro di diritto.

È il Silenzio della morte.

La forte protesta di ieri, tenutasi al Mercato, alla quale hanno partecipato tutte le ditte, che hanno chiesto a gran voce la tutela del proprio lavoro e dei propri operai, non può passare inosservata.

I diretti responsabili sono gli amministratori della città.

Il comune di Civitavecchia è responsabile, chi doveva controllare è responsabile, chi ha redatto un progetto indegno è responsabile, chi ha vinto l’appalto è responsabile, il direttore dei lavori è responsabile e sono responsabili tutti i politici che hanno ruotato intorno a questa vicenda, tutti coloro che con i voti del mercato e delle ditte sono stati eletti.

Le istituzioni devono dare una risposta, concreta, se è vero che i pagamenti sono stati effettuati le ditte devono essere pagate.

Se non è vero… Sparite!!

Foto di Giulio Santoni©

Giulio Santoni

Autore: Giulio Santoni

Commerciante dalla nascita, panettiere per scherzo, produttore di biscotti per tradizione. Cittadino del mondo.

Tagged
Giulio Santoni
Written by Giulio Santoni

Commerciante dalla nascita, panettiere per scherzo, produttore di biscotti per tradizione. Cittadino del mondo.

1 Comment responses

  1. Avatar
    dicembre 13, 2013

    Mai lavorare per la PA senza intascarne prima le spese anticipate, personale e tasse comprese (perlomeno).

    Reply

Leave a comment