Open top menu
Chi alla Frasca, chi al fresco

Chi alla Frasca, chi al fresco

Riceviamo e pubblichiamo la lettera dell’Associazione “Antonino Caponnetto” 

Associazione per la lotta contro le illegalità e le mafie Antonino Caponnetto”

Comunicato stampa

Una vendita inquietante

Nel marzo 2014 l’Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l’Innovazione dell’Agricoltura del Lazio (ARSIAL) ha venduto l’area del campeggio sito in località la Frasca, nel Comune di Civitavecchia, 17 ettari di pineta in riva al mare con relative infrastrutture recettive, alla Società Campeggiatori la Frasca srl per circa €. 700.000,00, cedendogli contestualmente a titolo gratuito tutta la cubatura sviluppata dalla rimanente area data, invece, in concessione gratuita ventennale al Comune.

Una vendita non possibile in quanto l’area oggetto della compravendita è un’area dichiarata di Notevole Interesse Pubblico con DM 26 marzo 1975 e 22 maggio 1985 e il Regolamento regionale del 20 maggio 2009, n. 7 “Disciplina dell’alienazione e della gestione dei beni immobili di proprieta’ dell’Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l’Innovazione dell’Agricoltura del Lazio (ARSIAL)” stabilisce esplicitamente all’art.8 che le aree di cui all’Art. 2, lettera b), ovvero le aree di pubblico interesse, tra cui quelle di particolare pregio storico e/o ambientale, come la Frasca, non possono essere cedute a privati, come invece è accaduto.

Una vicenda che ha già attirato, come riportato quest’oggi dalla stampa, le attenzioni della Procura della Repubblica che ha iscritto nel registro degli indagati cinque persone per il reato di abuso di ufficio e falso.

Ma la cosa si fa inquietante quando si scopre che la società che controlla la società acquirente è Nuova Frasca SRL, al 33,33% della sig.ra Asara Maria Bice, moglie del patron della Pulcini Group Antonio Pulcini, costruttore romano conosciuto per diverse speculazioni edilizie e recentemente tratto agli arresti domiciliari per la vicenda di un appalto legato ad un parcheggio nei pressi di Piazzale Clodio a Roma unitamente al Direttore dell’Agenzia per il Demanio della Regione Lazio e a tal Aliberti Giuseppe, guarda caso detentore del rimanente 66,67 % per il tramite della sua società GI.AL srl.

Insomma personaggi decisamente non nuovi a speculazioni e cementificazioni, ben introdotti nella burocrazia regionale e avvezzi ad aggirare le norme.

Per questo chiediamo alla Procura della Repubblica e agli uffici competenti di andare a fondo di questa vicenda, e verificare se a monte della stessa non si debba individuare un nuovo filone, magari con implicazioni locali, di quella mala gestione degli appalti che tanto ha scosso gli ambienti della burocrazia romana e regionale.

Civitavecchia, 29.03.2015

La Segreteria

Per contatti:

asscaponnettocv@gmail.com

info@comitato-antimafia-lt.org

Foto Alessandro Nicolò

Tagged
TerzaStrada
Written by TerzaStrada

La voce di chi sa che la forza degli uomini liberi sta nel pensiero e nella parola.

3 Comment responses

  1. Avatar
    marzo 30, 2015

    per noi dalla memoria corta,potreste ricordarci chi nel marzo 2014 governava questa città e chi era il responsabile della Arsial,magari anche il nome del Notaio che si è occupato dell’atto,sarebbe interessante avere oltre ai nomi di chi l’ha comprata anche quelli di chi l’ha venduta.

    Reply

    • Avatar
      aprile 08, 2015

      Al governo della città c’era il Commissario Prefettizio Santoriello.
      Ai vertici di Arsial ai tempi sedeva invece, come Commissario Straordinario, Antonio Rosati, uomo di assoluta fiducia di Zingaretti, oggi divenuto Amministratore Unico dell’Agenzia stessa.

      Reply

  2. Avatar
    maggio 03, 2015

    e alla fine di tutto cosa rimarrà al campeggio e ai campeggiatori dopo tutti questi raggiri? una campeggiatrice

    Reply

Leave a comment